Salvini vuole la castrazione chimica per i colpevoli di stupro. Secondo voi è giusto? Cosa ne pensate?

Condividi su Facebook

L’affermazione arriva in seguito allo stupro di una barista di Piacenza, ma Salvini ha questo punto sul programma elettorale da anni.

Salvini combatte da anni la battaglia per l’introduzione della castrazione chimica contro lo stupro in Italia.

Per i colpevoli di questi reati zero sconti, pena certa da scontare solo in galera e castrazione chimica!

Sono queste le dure parole di condanna del ministro dell’interno Salvini in seguito alla notizia di uno stupro avvenuto a Piacenza.

Un cittadino romeno pregiudicato di 34 anni accusato di essere responsabile della violenza sessuale subita da una barista cinese poche notti fa è stato fermato a Milano.

La donna è stata appena dimessa dall’ospedale di Piacenza dopo essere stata stuprata e picchiata nel suo bar, in una zona residenziale, e portata al pronto soccorso in stato di profondo choc.

L’uomo stava fuggendo quando è stato identificato dai Carabinieri di Piacenza e arrestato.

Il ministro della giustizia grillino Alfonso Bonafede ha promesso condanne esemplari per chi commette violenze sessuali:

Introdurremo nuove aggravanti e ulteriori aumenti di pena quando la vittima è un soggetto vulnerabile. È scritto nel nostro contratto di governo e lo faremo, statene certi!,

ha commentato.

Il ministro dell’interno Salvini ha rincarato la dose, invocando la castrazione chimica per i colpevoli di violenza sessuale.

Sondaggio:

Voi italiani, cosa ne pensate? Scrivete il vostro pensiero qui sotto nell’area “commenti”.

Condividi su Facebook