Donne italiane in cerca di profughi africani. Immaginate il motivo, vero? Sono assatanate…

Condividi su Facebook

Donne di mezza età vanno a caccia di profughi africani. I migranti che soggiornano in uno dei tanti centri di accoglienza in Italia vengono pagati da donne italiane attempate in cambio di rapporti se§§uali. Una signora che vive a pochi metri dalla struttura di accoglienza di cui non facciamo il nome, ha rivelato che spesso vede una donna che parcheggia la sua auto nel piazzale antistante la struttura di accoglienza e si mette ad aspettare un profugo. Quel giovane, secondo la signora italiana, avrà circa 25 anni.

La cooperativa in questione gestisce oltre 50 strutture di accoglienza

Un profugo di 27 anni originario della Costa D’Avorio ha confermato ad alcuni giornalisti che una donna di Bergamo paga spesso un ospite del centro di accoglienza per rapporti ‘intimi’. Non si tratta, però, di un singolo episodio. Sono diverse le donne attempate che si mettono alla ricerca di giovani profughi per consumare fugaci rapporti se§§uali in Italia. E i ragazzi stranieri cedono sempre, un po’ per noia, un po’ per piacere, ma anche per necessità di soldi. In un attimo diversi profughi si ritrovano a letto con cinquantenni italiane. Signore italiane che adescano gli ospiti delle strutture di accoglienza, tesi confermata anche dagli educatori di  questa coperativa, che gestisce più di 50 centri in cui alloggiano oltre 1000 immigrati.

Quella degli adescamenti dei profughi da parte delle signore italiane è una storia ben nota in Italia, dove molti residenti di diverse zone giurano di aver notato varie donne in macchina che si avvicinano ai profughi e, con atteggiamenti ammiccanti, li invitano a salire a bordo. Il proprietario di un ristorante alla periferia sud di Bergamo ha dichiarato che spesso una quarantenne italiana e un ragazzo africano entrano insieme nel suo locale e mangiano. Al ristoratore non sono sfuggite le carezze che si sono scambiati dei due e il braccio di lui attorno alla vita della quarantenne che, a fine pasto, ha pagato il conto.

Condividi su Facebook